Carnevale di Venezia, un’esperienza unica

carnevale-venezia

carnevale-veneziaEssere partecipe al carnevale di Venezia è un’esperienza senza paragoni, unica, da fare almeno una volta nella vita. È come svegliarsi durante un sogno per ritrovarsi in una piazza San Marco del XVIII secolo. Il mondo è cambiato fuori e cambia dentro di te. Colori, pizzi, merletti, soavi velluti, la bellezza dei costumi e il mistero. Nascosto negli occhi, dietro le maschere. Non c’è niente di più affascinante che il mistero e la meraviglia negli occhi. Ecco, un’altra volta è il carnevale! Come si fa a non raccontare la bellezza e la magia vissuti a Venezia in questi giorni?

Le origini del carnevale di Venezia risalgono al 1094 quando, per la prima volta, il vocabolo venne usato per descrivere il divertimento pubblico popolare. È nel XVII secolo che però il carnevale acquisisce prestigio. Anche I nobili volevano divertirsi e attraverso l’anonimato dato dalle maschere si mescolavano al popolo nelle strade. Con le maschere addosso, non solo l’identità, ma anche sesso e classe sociale rimanevano anonimi. Nell’indossare una maschera si entrava in un mondo illusorio dove tutto era possibile e consentito. L’atto di togliere la maschera spesso segnalava disponibilità agli approcci dei corteggiatori. In ogni storia il possibile epilogo partiva dalla ‘magia’.

Le maschere, simbolo della libertà.

Le maschere diventarono simbolo della libertà. Tra le più antiche e tradizionali che non mancano mai nel carnevale a Venezia ce n’è una indossata sia da donne che da uomini, la bauta, composta da una maschera bianca, un copricapo a tricorno nero ed un ampio mantello scuro chiamato tabarro. Ma c’è molto di più. Non esiste carnevale a Venezia senza gli Arlecchino, le Colombina, il Gatto, la Moretta e, ovvio, il mio preferito, il bellissimo Pierrot… Ok, mi faccio una lacrimuccia per sognare quell’innamorato romantico quanto sfortunato!

carnevale-venezia-pierrotIl mondo però talvolta si dimostra davvero strano. Nel 1797 la bellezza del carnevale di Venezia fu vietata da Napoleone Bonaparte, dopo l’invasione del Nord’Italia. Le maschere furono proibite per timore di disordini e tumulti da parte della popolazione. La festa viene ripristinata solo quasi due secoli dopo quando riprese anche la tradizione delle maschere. Così, si avviò sulle maschere a Venezia un vero e proprio commercio.

Con il riprendere della festa e le tradizioni ristabilite gli artigiani spolverano quello che sembrava dimenticato e sviluppano gli affari. Attualmente usano tecniche e materiali diversi realizzando anche corsi per chi voglia imparare il mestiere. Si lavorano argilla, gesso, garza ma le maschere più artigianali sono quelle ottenute seguendo la tradizione antica dove si lavorano rigorosamente a mano la cartapesta ottenuta da ritagli di scarto di carta assorbente e colla.

Per produrre le più ambite maschere di Venezia, prima viene creato il modello e lo stampo nel quale la cartapesta viene lavorata e lasciata essiccare. Tolto lo stampo è ora di rifinire l’opera decorandola e arricchendola con piume, perline, disegni e tutto quello che l’immaginazione sarà in grado di creare. Le parole servono poco a descrivere. Sono sicura le immagini abbiano molto più da raccontare.

bauta

carnevale-venezia carnevale-venezia

carnevale-venezia

carnevale-venezia carnevale-veneziacarnevale venezia

carnevale venezia

maschera-venezia maschera-carnevale

angelo-morte

madre-natura carnevale-venezia carnevale-venezia

carnevale-venezia

carnevale-venezia carnevale-venezia

maschere-venezia

carnevale-venezia carnevale-venezia carnevale-venezia

carnevale-venezia

carnevale-venezia maschere
carnevale-venezia carnevale-venezia

piazza-san-marco

piccione-addormentato-piazza-san-marcoCon tanta gente in giro c’è anche chi è riuscito a fare un pisolino.

🙂

Sei mai stato al carnevale di Venezia?
Cosa ti è piaciuto di pù?

VUOI SAPERE DI PIÙ? | CONTATTACI

Rispondi