Cosa sono gli ebooks?

KindleIl formato ebook, pubblicazione in forma digitale, è ancora poco conosciuto in Brasile e molti mi chiedono: “ma come posso leggere i libri tradotti da te?” oppure “mi piacerebbe saper di più sul ‘formato Kindle’ dei libri”. Bene, i libri digitali sono correlati alla tecnologia che ancora una volta è arrivata a rivoluzionare le vecchie idee: una di queste sarebbe esattamente come percepiamo i libri. Quindi, sono contenuti elettronici, file “.ePub” o “.mobi”, per esempio, che assomigliano ai libri cartacei, però devono essere letti con dispositivi elettronici come computer, tablet o il cosiddetto Kindle che ha un enorme vantaggio su tutti gli altri: la portabilità.

Cos’è il Kindle?

Il Kindle è un lettore di libri digitali nel quale possiamo scaricare e archiviare quei libri che ci piacerebbe tanto leggere. È stato creato da Amazon dieci anni fa e è molto facile da usare. Ci permette leggere senza riflesso anche sotto il sole. Possiamo accedere al vocabolario e trovare quelle paroline più difficili, la batteria dura settimane e può archiviare migliaia di ebook. Con il Kindle possiamo scaricare libri gratuitamente, acquistarne altri a prezzi ridotti, oppure fare un abbonamento mensile a costi irrisori. Ragazzi, non ci sono più scuse, dai! Leggiamo di più, torniamo a regalare i libri ai nostri figli, agli amici e diffondiamo in tutto il mondo il gusto per la lettura. Leggere è da sempre un investimento sicuro.

I libri tradotti da me (O Tradutor InsubstituívelO meu gato odeia SchrödingerO homem das pipas e Esmeralda Grunch e a Tulipa Vermelha) sono stati pubblicati digitalmente e sono disponibili su Amazon. Essendo così facile, l’idea è puntare sulla lettura e, meglio ancora, con gli ebook sempre in borsa potrai leggere quello che vuoi, dove vuoi e quando vuoi… ah, mi dimenticavo di dire, e come vuoi! Puntati alla lettura e buon divertimento!

 Realista speranzosa”

In Italia, gli ebook hanno già conquistato spazio nelle scuole e nelle Università. Già nel 2011 l’Ateneo dell’Università di Padova svolse il suo primo corso totalmente basato sugli ebook ed oggi dispone di una propria biblioteca digitale che può essere visitata anche da casa. Un altro esempio è l’ebookscuola, una piattaforma riconosciuta dal MIUR – Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dedicata alla formazione e messa a disposizione dei docenti di tutte le discipline e delle scuole di ogni ordine e grado. La notizia che ci arriva ora è che l’UE, come per i libri di carta, dà il via libera al taglio dell’IVA per gli ebooks. “È una grande vittoria per l’Italia e per tutti i lettori europei”, ha detto il presidente dell’AIE – Associazione Italiana Editori, Ricardo Franco Levi.

In Brasile, come ho osservato in precedenza, le incertezze sono ancora molte riguardo la produzione e vendita di ebooks. Le case editrice muovono ancora i primi passi e secondo un recente sondaggio reso noto dalla Fipe – Fundação Instituto de Pesquisas Econômicas [Istituto per la Ricerca Economica], il mercato dei libri digitali in Brasile rappresenta solamente 1.09% del fatturato totale delle case editrici. Il primo Censimento del Libro Digitali fatto in Brasile ha esaminato 794 case editrice dalle quale appena 294 si adoperano a produrre e vendere contenuti digitali (37%). Questo, però, è soltanto l’inizio e, con tutti i vantaggi di questo formato, il minor costo e la mobilità, i libri digitali pian piano trasformeranno anche il mercato editoriale brasiliano. Va bene, ammetto, sono quella “realista fiduciosa”, citata da Ariano Suassuna, scrittore e poeta brasiliano. Suassuma saggiamente ha definito: “L’ottimista è uno sciocco. Il pessimista è un rompiscatole. Il bello è essere una realista speranzosa”.

Rispondi